Associazione MIA Onlus, Via G. Montanelli, 135 Pisa - Viverelamiastenia.it - MIA - Associazione Italiana Miastenia Onlus.
       Torna all'Home Page
Inserisci questo sito nei preferiti Imposta come home iniziale
Il tuo 5 x mille
all' Associazione MIAstenia Onlus
Associazione Italiana
MIA Onlus

Via G. Montanelli, 135 - 56121 Pisa
CF 93023150506



  FORUM ARCHIVIO FORUM FOTO TOUR Viverelamiastenia DOMANDE FREQUENTI-Farmaci da evitare info Cookie      
24/11/2017 19:22   
Chi siamo - Home
La Miastenia
Libri sulla miastenia
News e Comunicati
Eventi
Rassegna Stampa
Link utili
Legge 104, invalidita, patente, tutele
Storie di miastenia e Testimonianze
Video
5 per mille
Accoglienza a Pisa
Le pubblicazioni scientifiche del nostro gruppo
Come iscriversi - Come aiutare MIA
Consulenza Psicologica
Utilizzo del sito-Help
Contatti
    

Il tuo 5x1000 donalo all'Associazione MIA Onlus




I Libri sulla Miastenia

a cura della
Dott.ssa Roberta Ricciardi

( per ordinarli, clicca qui )



Cos'è la miastenia?
La miastenia gravis è una malattia che colpisce i muscoli facendo perdere progressivamente, tono e forza. E’ una malattia neuromuscolare di tipo autoimmunitario in cui si determina un difetto della trasmissione degli impulsi nervosi che è la causa dell’esauribilità muscolare che la caratterizza, esauribilità che è di grado variabile da caso a caso e che può arrivare anche all’impossibilità a compiere anche i movimenti più semplici.


Quanti sono gli italiani che soffrono di miastenia?
Non esistono dei censimenti recenti ma si suppone che possano aggirarsi sui 15 mila casi. Tuttavia i medici che operano in prima linea nella cura della miastenia ritengono che ci sia anche un discreto numero di pazienti ancora non diagnosticati o identificati con altre patologie.
In Europa sembra siano malati di miastenia circa 6 abitanti su 100 mila, nel mondo 90 casi su un milione di persone, ma non possiamo sapere quanto questi dati siano reali..


La Miastenia colpisce più le donne o gli uomini?
La miastenia è una malattia autoimmune e come tutte le malattie di questo tipo colpisce più le donne degli uomini, soprattutto le giovani donne, quelle con un'età compresa fra i 15 e i 30 anni. Gli uomini sono invece più a rischio dopo i 50.


Miastenia, malattia autoimmune: che cosa significa?
Le malattie autoimmuni, fra cui la miastenia, sono patologie in cui l’organismo produce anticorpi “killer” rivolti contro proprie strutture, non riconoscendole più come appartenenti a se stesso.


Quali sono i sintomi più frequenti della miastenia?

I sintomi tipici della malattia sono essenzialmente la debolezza e l'esauribilità muscolare, ovvero una riduzione della forza. Questa “debolezza” patologica spesso aumenta con il protrarsi dell'attività e diminuisce con il riposo. Ciascun distretto muscolare può essere colpito in modo molto variabile da soggetto a soggetto, dando origine a quadri clinici anche molto diversi da caso a caso. Questa frequente diversità della sintomatologia è sicuramente uno dei motivi principali delle difficoltà diagnostiche e terapeutiche che spesso vengono riscontrate nella gestione di questi ammalati.
Nella maggior parte dei casi il paziente lamenta un’anomala stanchezza e può non riuscire a compiere movimenti anche semplici come sollevare un braccio o stringere un oggetto tra le mani. Può presentare abbassamento di una o ambedue le palpebre (ptosi palpebrale) e/o visione doppia (diplopia), avere difficoltà a parlare (disfonia), a deglutire (disfagia) e difficoltà a masticare e a sorridere. I muscoli mimici possono essere colpiti con conseguente alterazione dell’espressività. Nei casi più gravi si può avere difficoltà anche a respirare


Quante forme di miastenia esistono?

-La Miastenia Autoimmune Acquisita, appena descritta, rappresenta più del 95% delle forme di miastenia.
-La Miastenia Neonatale è una rarissima forma di miastenia transitoria che si può rilevare eccezionalmente in bambini nati da madri miasteniche. E’ legata al passaggio degli anticorpi attraverso la placenta e si risolve spesso spontaneamente nell’arco di pochi giorni.
-Anche le Miastenie Congenite sono rare e sono miopatie legate a vari difetti congeniti a livello della giunzione neuromuscolare.
-La Sindrome Miasteniforme di Lambert Eaton è una forma paraneoplastica di miastenia in genere associata a tumori a localizzazione toracica.
-Esistono poi forme miasteniformi legate all’uso di alcuni farmaci, in particolare all’utilizzo della penicillamina, agli antibiotici aminoglucosidici, ai farmaci betabloccanti, alla chinidina, alle benzodiazepine e al magnesio


Come si fa la diagnosi di miastenia?

La diagnosi della miastenia è essenzialmente clinica: un'attenta anamnesi e un accurato esame neurologico sono spesso infatti già decisivi affinché il medico abbia gli elementi necessari per un orientamento diagnostico. L'esame clinico neurologico deve quindi prendere in considerazione la resistenza di ogni ‘distretto muscolare' per cercare di evidenziare una qualche esauribilità patologica. Ogni gruppo muscolare dovrà essere esaminato a partire da quello oculare, a quello facciale, ai muscoli masticatori, alla lingua, ai muscoli laringei e faringei, ai muscoli del collo, ai muscoli degli arti e a quelli respiratori.
L’ esame clinico è poi oggi supportato dalla positività del dosaggio degli anticorpi anti recettore acetilcolinico (AchRAb) o degli anticorpi AntiMusk nel siero. L'esame elettromiografico di stimolazione ripetitiva o di singola fibra e i test farmacologico al Tensilon o alla Prostigmina risultano inoltre quasi sempre positivi nei pazienti con positività del dosaggio degli anticorpi anti recettore acetilcolinico mentre risultano negativi nella maggior parte dei pazienti sieronegativi o anti MUSK positivi.


Cosa è la miastenia sieronegativa?
Circa il 30% dei pazienti affetti da miastenia presentano negatività del dosaggio degli anticorpi antirecettore acetilcolinico ( i cosiddetti sieronegativi) e spesso hanno forme atipiche di miastenia che ci consentono di considerarli un’entità nosologica a sé stante. Anche il test elettromiografico e la risposta agli anticolinesterasici sono negativi nella maggior parte di questi pazienti.
La Miastenia sieronegativa, dal punto di vista clinico, è caratterizzata da una predominanza di forme oculari anche se non sono rare anche le forme generalizzate. Questi pazienti frequentemente non tollerano, o tollerano solo a bassi dosaggi, il Mestinon che, spesso, a dosaggi medio-alti dà luogo a effetti collaterali importanti. Spesso hanno scarse risposte alla timectomia ma hanno effetti positivi dall’uso del cortisone e delle immunoglobuline endovena il che conferma che anche la forma sieronegativa è immunomediata.
Circa il 20% dei pazienti con negatività del dosaggio degli anticorpi anti recettore acetilcolinico presenta positività per la ricerca degli anticorpi anti tirosinchinasi (recettori posti sulla membrana muscolare) i così detti anti MUSK. Questi pazienti presentano prevalentemente disturbi della parola e della deglutizione associati o no a ptosi e/o diplopia mentre il restoi della muscolaturavolontaria è scarsamente interessata. Anche i pazienti anti musk positivi si dimostrano intolleranti al mestinon mentre hanno risposte molto positive al cortisone e alle immunoglobuline endovena. La timectomia non risulta efficace.


Come si cura la miastenia?
La terapia della miastenia si propone oggi due obiettivi: il primo, puramente sintomatico, ha lo scopo di migliorare la trasmissione neuromuscolare e quindi il sintomo “debolezza”; il secondo mira a modificare lo squilibrio immunitario alla base dell'aggressione autoimmune responsabile della malattia.
I farmaci sintomatici utilizzati per migliorare la forza muscolare sono rappresentati dagli anticolinesterasici (Mestinon) che costituiscono quasi sempre il primo approccio terapeutico e rappresentano un aiuto prezioso per la maggior parte dei pazienti miastenici. Il Mestinon è disponibile in compresse divisibili da 60 mg a rapido rilascio e in compresse da 180 mg a rilascio prolungato. Le compresse da 60 mg hanno una durata media d’azione di circa 4 ore mentre quelle da 180 mg coprono un intervallo di 8 ore La durata d’azione delle due formulazioni è del tutto indipendente dalla dose assunta. Il Mestinon Retard va utilizzato quasi esclusivamente per la somministrazione notturna.
I presidi terapeutici che agiscono sulle cause della malattia e quindi sul meccanismo autoimmune responsabile della miastenia sono invece rappresentati dal cortisone, dagli immunosoppressori (Azatioprina, Ciclosporina A, Ciclofosfamide, Micofenolato mofetil, Tacrolimus), dalla plasmaferesi e dalle Immunoglobuline endovena.
C'è poi la terapia chirurgica della miastenia che è rappresentata dall'asportazione della ghiandola del timo (timectomia) che, in questi pazienti, risulta essere spesso iperfunzionante (iperplasia) o portatrice di un tumore (timoma). La timectomia non sempre risolve la malattia ma spesso ne determina un consistente miglioramento. L’indicazione alla timectomia va valutata caso per caso anche se, in particolare nei pazienti giovani, è quasi sempre consigliata.
La terapia della miastenia va modellata su ciascun soggetto a seconda delle caratteristiche cliniche della malattia e deve essere proprio come un vestito che va cucito addosso al paziente. Risulta quindi fondamentale il ruolo dell’esperto che, proprio come un bravo sarto, dovrà, ogni qual volta sarà necessario, “rimodellare” la terapia a seconda delle variazioni cliniche della miastenia.
Anche se ancora non abbiamo a disposizione cure mediche capaci di evitare o di risolvere in modo certo la miastenia, le giuste terapie possono tuttavia controllare i sintomi fino alla loro scomparsa, consentendo spesso al paziente miastenico una vita del tutto normale.


La miastenia è una malattia contagiosa?
Assolutamente no, poiché non è una malattia legata ad alcun processo infettivo.


Quanto può vivere un malato di miastenia?
Una persona affetta da miastenia, ben curata, ha una vita lunga quanto quella di una persona che gode di ottima salute. E’ però importante un attento monitoraggio degli effetti collaterali che molte terapie utilizzate nella miastenia possono comportare.


Vivere bene con la miastenia: quali sono i comportamenti utili?
Il trattamento della miastenia necessita della stretta collaborazione tra l'ammalato, il medico specialista e il medico di base. Importante è anche, ovviamente, la vicinanza e la comprensione della malattia da parte dei familiari e di tutte le persone che stanno vicino al malato di miastenia.
E’ anche utile che l’ammalato di miastenia conosca a fondo la propria malattia per imparare a regolare lo sforzo muscolare secondo le necessità, per gestire al meglio la terapia con Mestinon riconoscendo i disturbi legati a sovradosaggi o a dosaggi insufficienti e per evitare l'uso dei farmaci e delle sostanze controindicate quali, ad esempio, le bibite analcoliche amaricanti, alcuni antibiotici come gli aminoglucosidici, i sedativi, i farmaci miorilassanti e il magnesio. Via libera, invece, all'aspirina, agli antibiotici come le cefalosporine, alla tachipirina e agli anestetici locali per piccoli interventi chirurgici o odontoiatrici.


Perché viene definita una malattia complessa e misteriosa?

Perché, anche a causa della grande variabilità di quadri clinici, è ancora una malattia riconosciuta con difficoltà e trattata spesso in modo inappropriato. La quasi totalità degli ammalati vive un vero e proprio calvario prima di arrivare alla diagnosi ed è circondata spesso da una totale incomprensione. Per chi è colpito da questa malattia è infatti difficile spiegare che improvvisamente ha difficoltà a camminare, a parlare, a mangiare, a respirare. I normali esami del sangue sono spesso perfetti, il cuore e i polmoni funzionano bene … ma, il soggetto colpito da miastenia, non ce la fa più a compiere il minimo sforzo e, spesso, passa per pigro o depresso. Anche nell’ambiente sanitario deve, a volte, peregrinare da uno specialista all’altro, spesso per mesi, se non addirittura per anni, prima di trovare qualcuno in grado di effettuare la diagnosi.


Perché la diagnosi della miastenia è “il calvario” del paziente e del medico?
Perché la malattia non solo ha manifestazioni cliniche molto diverse da paziente a paziente ma anche nello stesso individuo, spesso, i disturbi variano fortemente anche nell’arco della stessa giornata. Soprattutto nei primi tempi i sintomi possono anche scomparire e riapparire da un giorno all’altro confondendo non solo i medici ma anche gli stessi ammalati. E’ quindi facile scambiare la miastenia con altri disturbi di tipo organico o psichiatrico e non sono rari i casi di pazienti trattati come depressi per mesi o per anni. Inoltre il miastenico soffre perché chi lo circonda non riesce a volte a comprendere la sua improvvisa debolezza muscolare che può notevolmente compromette il lavoro e la vita sociale, spesso già molto tempo prima che la malattia venga riconosciuta.

Qual è allora la maggiore difficoltà che incontra oggi un paziente affetto da miastenia o peggio ancora una persona che, pur avendo i sintomi della miastenia, non sa assolutamente di avere questa malattia?
Una delle maggiori difficoltà che incontra questo tipo di paziente è spesso legata alla carenza di esperti sul territorio e alla mancanza di volontà e di interesse verso il potenziamento delle strutture esistenti dove dovrebbero essere infatti creati dei “vivai” di nuovi esperti da poter poi disseminare sul territorio. Proprio per la grande variabilità clinica da caso a caso ( non esiste in pratica un paziente del tutto identico a un altro ) la miastenia è infatti una malattia che non si imparerà a gestire bene solo studiandola sui libri ma per la cui conoscenza risulta veramente indispensabile poter visitare centinaia e centinaia di pazienti stando vicino a medici esperti che insegnino tutte le peculiarità infinite della malattia


Qual è l’impegno dell’Associazione MIA (Associazione Italiana Miastenia Onlus) per la conoscenza e la sensibilizzazione nei confronti di questa malattia?
Questa associazione ha proprio come fine elettivo quello di diffondere la conoscenza della malattia sul territorio nazionale e di offrire assistenza e informazioni ai pazienti e ai loro familiari.
L’idea del tour “Vivere la miastenia”, che l’associazione sta portando in giro per l’Italia, è nata proprio a questo scopo, dopo il successo ottenuto dalla stesura del libro “Vivere la miastenia” che la Dr Roberta Ricciardi (anche lei paziente oltre che neurologo dedicato alla cura di questi ammalati) ha scritto insieme al giornalista Giovanni Paolo Fontana per cercare di rendere comprensibile a tutti ( medici non esperti, ammalati e gente comune ) una malattia definita complicata e misteriosa.
Il tour, che ricalca l’impostazione utilizzata nel libro, si chiama appunto “Vivere la miastenia” ed ha già toccato città quali Sassari, Ragusa, Catania, Pisa, Livorno, Udine, Napoli, Zagabria, Fiume e Zara in Croazia, Napoli, Roma, Casciana Terme, Teramo, Milazzo, Venezia, Lecce, Firenze e Sofia in Bulgaria (per visualizzare le tappe passate e future vai alla sezione Tour Vivere la miastenia).
Lo scopo è quello di realizzare incontri di aggiornamento sulla miastenia per medici e operatori sanitari, pazienti e gente comune, utilizzando un linguaggio basato sull’immediatezza e sulla semplicità della comunicazione. Ancora oggi una delle cose più gravi della miastenia è infatti che pochi sanno cosa è…
Oltre che parlare di miastenia, questi incontri hanno anche lo scopo di ribadire l’importanza dell’aspetto umano della medicina e lo straordinario ruolo terapeutico di un solido legame affettivo medico-paziente nella convinzione che l’attenzione e l’amore verso l’ammalato siano “medicine” ugualmente indispensabili da aggiungere sempre alle terapie specifiche

ALTRE RISPOSTE ALLE VOSTRE DOMANDE
SONO CONTENUTE NEI LIBRI SULLA MIASTENIA, CHE POSSONO ESSERE TROVATI IN LIBRERIA O ACQUISTATI DIRETTAMENTE PRESSO LA NOSTRA ASSOCIAZIONE

Per acquistare i libri dalla nostra Associazione, TELEFONACI , oppure INVIA UNA E-MAIL con titolo "RICHIESTA LIBRI", all' indirizzo di posta elettronica: mailto:aimtoscana@tiscali.it?subject=RICHIESTA LIBRI
indicando quali libri desideri acquistare, a quale indirizzo vuoi che vengano recapitati, un numero di telefono per essere contattato.

Il libri ti saranno inviati tramite normale posta prioritaria, e arriveranno presso l' indirizzo da te indicato dopo 15 giorni circa, insieme al bollettino postale sul quale fare il versamento del costo corrispondente ( più spese postali ) . Se desideri una diversa modalità di spedizione, per es. con contrassegno o raccomandata, specificalo nella e-mail.

"VIVERE LA MIASTENIA ovvero come innamorarsi di una malattia"
di Roberta Ricciardi e Giovanni Paolo Fontana
FrancoAngeli editore, Milano 2002
Prezzo di copertina: Euro 10,50
Leggi la "Premessa" di Roberta Ricciardi e Giovanni Paolo fontana ...
Leggi la Presentazione di Luciano Pavarotti ... ...
"VIVERE LA MIASTENIA ovvero come innamorarsi di una malattia"
Nuova Edizione Aggiornata
di Roberta Ricciardi e Giovanni Paolo Fontana
FrancoAngeli editore, Milano 2006
Prezzo di copertina: Euro 14,50
Leggi la "Premessa alla nuova edizione" di Roberta Ricciardi e Giovanni Paolo fontana ...
Leggi la Presentazione di Luciano Pavarotti ... ...
"LE IMMUNOGLOBULINE ENDOVENA NELLA TERAPIA DELLA
MIASTENIA GRAVIS"
di Roberta Ricciardi, Kedrion SpA, 2002
"LA TERAPIA CON IMMUNOGLOBULINE ENDOVENA E PLASMAFERSI
NELLA MIASTENIA GRAVIS"
di Roberta Ricciardi e Giovanni Paolo Fontana
Masson editore, Milano, 2005
Prezzo di copertina: Euro 17,00
Leggi la Prefazione ...
LA TERAPIA ANTICOLINESTERASICA NELLA MIASTENIA GRAVIS
di Roberta Ricciardi e Giovanni Paolo Fontana
Masson editore, Milano, 2004
Prezzo di copertina: Euro 11,00
Leggi la Prefazione ...


Documento allegato:
Opuscolo MIA



Associazione MIA
L
a conoscenza della miastenia gravis fra il pubblico e gli operatori sanitari.

Via G. Montanelli, 135 - 56121 Pisa
Tel. e Fax 050/25217 - 340/5385541

Martedì ore 9:30-12:30 - Venerdì 9:30-12:30
Codice Fiscale: 93023150506


© www.viverelamiastenia.it Tutti i diritti sono riservati